La Clinica di Riabilitazione Toscana ricorda il professor Gianfranco Salvini. Due gli appuntamenti: il primo sabato scorso alla Filanda di Loro Ciuffenna e il prossimo, sabato 24 marzo, nei locali della Casa della Salute di Terranuova Bracciolini.

I sindaci del Valdarno e il Presidente della Crt, Marco Mugnai hanno reso omaggio a Simonetta Ferri, compagna del professor Salvini annunciando l’imminente pubblicazione di alcuni suoi scritti inediti.
Nel frattempo è stato presentato il volume “Racconti di Trevane” che raccoglie aneddoti e appunti di vita quotidiano che aiutano a comprendere meglio la figura di Gianfranco Salvini, tra i maggiori protagonisti delle ricerche e delle prassi di riabilitazione, a livello internazionale, del Novecento.

Nato a Firenze nel 1936, dopo gli studi di medicina a Firenze, si era professionalmente formato in Svizzera e Francia, introducendo fin dalla fine degli anni sessanta, un nuovo linguaggio riabilitativo. Ha insegnato e svolto attività di direzione in scuole per terapisti della riabilitazione a Ferrara e Milano, formando un eccezionale numero di operatori. Ha lavorato anche in contesti internazionali, svolgendo il ruolo di consulente in India per il Ministero del Welfare e collaborando con la Russia, attraverso le Misericordie italiane, per la costruzioni di protesi destinate ai “ragazzi soldato” della guerra in Afghanistan.

Radicato il suo rapporto con il territorio del Valdarno. Nel 1977 costituì il primo reparto di riabilitazione in Italia unificando le attività, in questo ambito, del Consorzio Socio sanitario della Zona e dell’Ente ospedaliero del Valdarno aretino. Successivamente fondatore con il comune di Terranuova Bracciolini del Centro di riabilitazione di Terranuova, oggi Clinica di riabilitazione Toscana.

E’ considerato il padre della riabilitazione cognitiva ed ha offerto un grande contributo alla ricerca scientifica con intuizioni che poi furono sviluppate negli anni successivi.