Il testamento biologico: convegno della CRT

Il 19 marzo nella sala didattica della Clinica

L’acronimo è DAT: disposizione anticipata di trattamento. In altre parole il testamento biologico. La CRT ha organizzato un convegno destinato in modo particolare agli operatori, per presentare la legge 219 del 2017 e le norme regionali. Appuntamento nel pomeriggio, con inizio alle ore 15.30, di martedì 19 marzo nella sala didattica della CRT presso l’Ospedale del Valdarno.

Gli operatori sanitari si trovano ad affrontare situazioni molto spesso incerte. Il paziente ricoverato ha lasciato disposizioni? E se si, dove sono? E chi è il soggetto che ne è informato e che quindi può essere il punto di riferimento del medico?

Sono molte le figure professionali coinvolte nella preparazione e nelle conservazione delle DAT.  I medici di medicina generale possono informare i loro pazienti ma non sono i soggetti deputati a raccogliere le disposizione anticipate di trattamento. Lo sono, ad esempio, i notai e gli ufficiali di stato civile. Gli avvocati assumono frequentemente il ruolo di amministratori di sostegno e finiscono quindi per rappresentare tutti gli interessi del paziente.

Una situazione molto complessa che interessa temi fondamentali come la donazione degli organi, la decisione di continuare o meno con la ventilazione o l’alimentazione artificiale.

Il convegno del 19 marzo, accreditato per i professionisti sanitari e per gli avvocati ai fini della formazione professionale, sarà aperto da Mauro Mancuso, Direttore Sanitario e Scientifico della CRT che coordinerà anche la tavola rotonda alla quale prenderanno parte Lucia De Robertis, Vice Presidente Consiglio Regionale; Sergio Chienni, Presidente Conferenza dei Sindaci del Valdarno; Daniela Matarrese, Direttore PO2 Valdarno; Marco Mugnai, Presidente CRT; Valentina Vadi e Marco Casucci, Consiglieri Regionali; Patrizia Castellucci, Direttore Distretto Zona Valdarno.

L’inquadramento giuridico e le fonti regionali delle DAT saranno illustrati dall’avvocato Lorenzo Crocini.  Il rapporto tra DAT e medici di medicina generale da Sergio Moretti, AUSL Toscana Sud Est. Infine la rilevanza giuridica dell’esperienza ospedaliera in relazione al DAT sarà l’argomento di Franco Paolucci, Direttore Amministrativo e Responsabile Giuridico della Clinica di Riabilitazione Toscana.

16 marzo 2019