CRT: la riabilitazione non conosce la domenica

Potenziate le attività nei giorni festivi

Mai di domenica? La frase, per la riabilitazione nella CRT, finisce in archivio. “Quest’anno abbiamo avviato una sperimentazione che, grazie alla disponibilità e alla professionalità del nostro personale riabilitativo, sta dando buoni risultati – annuncia il  Direttore generale della CRT, Antonio Boncompagni. In tutte le strutture di riabilitazione, per ovvie ragioni, nel giorno di domenica le attività non vengono certo annullate ma subiscono una flessione. Noi stiamo cercando di potenziare le attività fino al livello massimo possibile. Finora abbiamo aggiunto, complessivamente, circa 30 giornate lavorative che hanno rappresentato un beneficio per i nostri pazienti e che hanno visto la disponibilità di una dozzina di dipendenti. L’obiettivo è quella della continuità riabilitativa al quale stiamo destinando risorse. Ovviamente le prestazioni indispensabili vengono garantite sempre e comunque, indipendentemente dal calendario e nel rispetto della tutela della salute del paziente. Adesso vogliamo fare un ulteriore passo in avanti“.